Trova il tuo soggetto artistico

Still Life Artist Harriet Shorr: è tutto un setup

Still Life Artist Harriet Shorr: è tutto un setup


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Questo articolo sull'artista di nature morte Harriet Shorr, scritto da Rick Stull, è apparso originariamente nel numero di gennaio / febbraio 2011 di Rivista.

L'artista di nature morte Harriet Shorr ha eloquentemente scritto e parlato dei suoi dipinti, affrontando le questioni nodose di forma, contenuto e significato - questioni che spesso sollevano tutte le domande che vengono illuminate durante tali discussioni. Né tali discussioni dissipano il mistero del lavoro di un artista. La capacità di un'opera d'arte di riprendersi dopo un tale esame e di dare un piacere senza fine deve sicuramente essere uno dei suoi tratti significativi e apprezzati. Lo stesso vale per le discussioni sulle questioni più pratiche di procedura e tecnica. Quando tutto è detto e fatto, quando un dipinto è stato analizzato e, in un certo senso, decostruito, la sua capacità di deliziare dovrebbe rimanere. È il caso dell'arte di Shorr.

…..

Oggetti di natura morta senza obiettivo

Nella mia recente conversazione con Harriet Shorr, ci siamo concentrati sui problemi pratici: il modo in cui in realtà prepara e realizza i suoi dipinti di nature morte. Abbiamo chiacchierato di tela, pennelli, barelle, marchi di vernice e gesso. E, naturalmente, abbiamo parlato degli oggetti strani e disparati che popolano i suoi quadri.

"Gli oggetti che inizialmente scelgo per un dipinto potrebbero non coincidere necessariamente con quello che sto pensando e sentendo in quel momento", afferma Shorr. Di fatto, cerca consapevolmente di non cercare oggetti con in mente un'agenda specifica. Né mette in dubbio ciò che li rende "clic" insieme. "Trovo molti oggetti nei mercatini delle pulci e mentre cammino per le strade di New York", afferma Shorr.

Quando sente di aver raccolto tutte le sue "cose", organizza (un termine che Shorr preferisce "compone") gli oggetti su un tavolo nel suo studio (situato nel suo loft di Manhattan SoHo per la maggior parte dell'anno e nella campagna del Vermont durante l'estate). Questo atto di organizzare oggetti di natura morta, sebbene sostanzialmente intuitivo, è qualcosa che Shorr fa con un certo grado di autocoscienza. Shorr spiega che quando sistema gli oggetti sul suo tavolo, di solito cerca di variare gli spazi tra loro. "Ma la mia idea è sempre stata che se la pittura funziona davvero, qualsiasi relazione compositiva può essere resa convincente."

Procedendo in questa modalità informale ma attenta, Shorr sceglie una tela, dimensioni e orientamento governati dalla sua disposizione degli oggetti. Usa tele tese, tipicamente ricoperte da una sola mano di mezzo lucido seguita da due mani di gesso. Preferisce la tela al lino perché "il lino è costoso ed è più difficile da allungare perfettamente".

.

Direttamente alla vernice

Si potrebbe pensare che una certa quantità di disegni o schizzi sarebbe il passo successivo, ma non è così. Shorr non fa alcun disegno preliminare per i suoi lavori di natura morta: "Molte persone pensano", dice, "che esiste una connessione necessaria tra disegno e pittura, cioè devi capire qualcosa disegnandolo prima di poterlo dipingere. Non ci credo. "

Certo, questa non è tutta la storia. Usando i pennelli di setola per le aree più grandi di colore e i pennelli a pelo lungo per la modellazione più precisa, crea le diverse forme, le loro ombre e gli spazi tra le forme mentre dipinge, mantenendo la fluidità del dipinto. Shorr sviluppò questa fluidità e la pratica di dipingere bagnato su bagnato dopo aver studiato con Alex Katz alla Yale School of Art and Architecture negli anni '60.

.

Pratica stravaganza

A proposito di pittura, Harriet Shorr incera adamantino. "Devi essere stravagante con i tuoi materiali." E lei è. Usando oli Old Holland, mescola i suoi colori appositamente per un dipinto e non trattiene alcuna vernice da un pezzo per lavorare su quello successivo.

"Derivo i miei colori dalle mie percezioni", dice Shorr. Aggiunge: "Non ho alcun reale interesse per il bilanciamento del colore. Dipingo solo il colore che vedo. Se cambia, io cambio con esso. " Usa un pennello diverso per ogni colore e per ogni gradazione all'interno di un colore particolare.

.

Condotto da Light and Sight

Shorr in genere inizia a lavorare alle 9 o alle 10 del mattino e di solito si ferma intorno alle 3 del pomeriggio. Questo è sicuramente in linea con un artista che si occupa così da vicino degli effetti della luce. Dopotutto è la persona che, mentre descriveva come completava una natura morta, una volta disse: “Mentre lavoravo sul dipinto, aspetterei che il raggio di luce cadesse nello stesso punto per dipingere i particolari passaggi influenzati da quella luce. Ogni giorno ho dipinto le stesse parti del dipinto allo stesso tempo. "

Dipinge ciò che sta guardando: oggetti, stoffa, montagne viste attraverso le finestre del suo studio del Vermont, costruendo facciate viste attraverso le finestre del suo loft SoHo. Potrebbe sembrare una strana procedura per un artista che include Barnett Newman tra le sue maggiori influenze. Diventa meno bizzarro, tuttavia, se si considera la frontalità strutturale e i sussurri dell'astrazione di Color Field nei suoi dipinti.

Ciò che si nota quando si guarda un dipinto di natura morta Shorr come Oggetti d'uso per me (sopra) - i tratti astratti menzionati a parte - è la cura e l'attenzione che lei fa per garantire che ogni pollice quadrato della tela abbia la stessa importanza. Nessun particolare oggetto o sezione di stoffa o paesaggio attira lo sguardo. Lo spettatore fissa fissamente l'insieme come si potrebbe fare quando si fissa in una sezione di foresta macchiata dal sole o attraverso un tratto di deserto. Oppure l'occhio può spostarsi sulla superficie, deliziandosi per la giustapposizione di colori ricchi, l'illuminazione della luce che dà forma, le tonalità variabili e le ombre scure dei mondi di Shorr. È un'alta forma di piacere che naviga il significato del titolo del dipinto dall'utilitaristico al sublime.

.

ALTRE RISORSE

  • Download gratuito !: Le migliori tecniche e storie di pittura di Still Life che ispirano
  • Padroneggia la drammatica natura morta con C.W. Mundy (download video)


Guarda il video: Still life (Potrebbe 2022).