Disegno

Van Goghs Yellow

Van Goghs Yellow


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

È risaputo che l'ascesa dell'Impressionismo era dovuta in parte ai nuovi sviluppi della chimica delle vernici che crearono colori più luminosi e più stabili che prima non erano disponibili per la pittura ad olio.

Vista di Arles con Iris di Vincent van Gogh, pittura ad olio.

Uno degli artisti che hanno abbracciato e sperimentato la nuova tecnologia del colore è stato Vincent van Gogh. La brillantezza di alcuni dei più famosi dipinti ad olio d'arte di Van Gogh è dovuta al suo uso di questi vivaci pigmenti industriali appena disponibili. Questi pigmenti iniziano a comparire nel suo lavoro dopo il suo trasferimento dall'Olanda alla Francia. Sfortunatamente, i chimici dell'epoca non avevano gli strumenti per eseguire test di invecchiamento accelerato per determinare la solidità alla luce nel tempo delle loro nuove creazioni.

Uno dei colori, Chrome Yellow, non è solo tossico, ma ora è anche noto per oscurarsi sotto l'esposizione ai raggi ultravioletti alla luce del sole. Dato che alla metà del 1900 furono finalmente sviluppate alternative meno tossiche a Chrome Yellow, gli artisti tendevano a passare ad esse. Ma, per un periodo critico di tempo, il colore brillante fornito da Chrome Yellow è stato uno strumento importante nelle palette di van Goghs e di altri artisti. È stato forse più famoso in alcuni dei dipinti di girasole di Van Goghs. I ricercatori hanno scoperto che alcuni, ma non tutti, i quadri contenenti giallo cromo soffrono della grave doratura che può causare l'esposizione alla luce solare.

Per capire come invecchiano i dipinti e come conservarli al meglio per il futuro, i ricercatori hanno condotto uno studio approfondito sulla doratura vista in alcuni dei lavori di Van Gogh dipinti con Chrome Yellow. Gli scienziati di quattro paesi hanno eseguito lo studio. Hanno iniziato raccogliendo campioni da tre storici tubi di vernice giallo cromo e invecchiando artificialmente la vernice per 500 ore usando una lampada a raggi ultravioletti. Hanno anche preso campioni da due dipinti di van Gogh, Vista di Arles con Iris e Banca della Senna. La vernice dai tubi si è oscurata in un marrone cioccolato dopo l'esposizione alla luce UV.

Usando un raggio di raggi X cento volte più sottile di un capello umano, gli scienziati sono stati in grado di analizzare anche il giallo cromo scuro sulla superficie stessa dei due dipinti, proprio sotto la vernice. Le loro analisi hanno scoperto che il cromo nel pigmento ha ottenuto elettroni dalla luce UV, riducendo efficacemente il cromo (VI) al cromo (III), trasformando il giallo brillante in marrone.

Di grande interesse è stata la scoperta dal microscopico raggio a raggi X che l'oscuramento era più evidente dove erano composti chimici contenenti bario e zolfo. Ciò potrebbe dimostrare perché alcuni dei dipinti di Van Gogh sembrano essere particolarmente sensibili all'oscuramento, in quanto si ipotizza che talvolta abbia mescolato il bianco (contenente bario e zolfo) con la sua vernice gialla. La prossima fase della ricerca sarà la più importante di tutte nel cercare di capire se c'è qualche speranza di riportare i pigmenti allo stato originale nei dipinti in cui l'oscuramento è già in atto.

In ancora un'altra fusione di scienza e arte, siamo in grado di guardare indietro per capire di più sulle vite e le opere dei grandi maestri. Non sono a conoscenza di un simile grande sforzo mai fatto per la chimica di un dipinto ad olio. - Joris Dik, professore alla Delft Technical University. (Ulteriori informazioni sono disponibili sul Journal of Analytical Chemistry.)

Unisciti a noi su The Artists Road per storie più interessanti e istruttive. Crediamo che più artisti nel mondo siano una buona cosa!

–John e Ann


Guarda il video: Vincent van Gogh- his letters to Theo (Potrebbe 2022).