Disegno

Formato di pittura vs. soggetto: quale viene prima?

Formato di pittura vs. soggetto: quale viene prima?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Form (at) Soddisfa la funzione

Come artisti, è nostro desiderio usare il pennello e la pittura per creare e quindi condividere le nostre interpretazioni di ciò che vediamo e sentiamo, e tradurre e presentare queste interpretazioni in modo efficace su una superficie bidimensionale. Il posizionamento di forme, forme e colori su una superficie pittorica richiede un'attenta pianificazione. E quando si tratta di acquerelli, prima ancora di poter iniziare a progettare una composizione pittorica di successo, è necessario considerare i parametri della superficie o il formato di pittura.

Quindi, quale viene prima di tutto: il tuo soggetto di pittura o il tuo formato di pittura? Di seguito, Jean Grastorf analizza tutto ciò che devi sapere. Godere!

Come iniziare

È facile cadere nella routine di lavorare con la carta 12 per 16, 20 per 24 e 22 per 30 pollici. Ho insegnato agli studenti che hanno una scorta di tappetini e telai e spesso sentono di dover dipingere per adattarsi al loro interno.

Ma se ci liberiamo da queste restrizioni, evitiamo di annoiare noi stessi e lo spettatore. Solo perché un foglio di carta per acquerello ha una dimensione particolare non significa che sia il formato migliore per la composizione di un dipinto.

La cosa più importante da capire è che le dimensioni non sono importanti quanto la proporzione tra altezza e larghezza in relazione all'argomento. Solo dopo aver preso le decisioni in merito alla composizione e al formato, il processo di verniciatura può andare avanti.

Scegliere un formato di pittura

Quindi, come possiamo decidere quale formato ha più senso per il soggetto e l'effetto desiderato? I tre formati più comuni sono orizzontale, verticale e quadrato.

Un formato orizzontale consente all'occhio dello spettatore di muoversi attraverso il dipinto e viene usato più spesso per i paesaggi. Un formato orizzontale a mezzo foglio può essere ideale per un paesaggio panoramico o una figura reclinata.

Un formato verticale incoraggia l'occhio a muoversi su e giù per il dipinto. Sebbene sia comunemente usato per ritratti o figure, un formato verticale a mezzo foglio può essere perfetto per rappresentare un paesaggio, forse uno stretto vicolo europeo.

Un formato quadrato non è così comune come gli altri due, ma è l'ideale quando l'argomento è il centro di interesse. Questo formato trasmette un senso di equilibrio e proporzione. Le forme geometriche spesso si trovano bene all'interno della piazza, quindi è adatta per lavori astratti e intuitivi.

Qualunque sia il formato che scegli dovrebbe integrare e promuovere gli obiettivi del tuo dipinto. Non abbiate paura di provare una scelta non convenzionale, come ho fatto io Soleggiato il sesto (sotto); può rivelarsi impegnativo, ma può anche comportare divisioni di spazio più interessanti.

Se il tuo primo tentativo di utilizzare un formato diverso dal solito non ti soddisfa, prendi ciò che hai imparato e passa a un'altra proporzione e / o dimensione. Costruire da una base di immagini precedenti consente colpi più audaci.

Tre scene di strada, tre formati

Sono stato innamorato delle scene di strada per diversi anni. Invece di utilizzare un formato orizzontale tradizionale per tutti i miei paesaggi urbani, determino il mio formato di pittura in base a ciò che voglio trasmettere.

Ad esempio, sotto ho dipinto un trattamento verticale di un vicolo greco, una vista orizzontale allungata di una strada di New York City e un formato rettangolare per una piazza romana. Le possibilità sono tutte parte dello sforzo creativo.

Ad Atene, in Grecia, il "plaka", o mercato, è un luogo affollato, animato e colorato. Questo dipinto ad acquerello, Plaka, ha chiesto un formato verticale, con gli edifici che incorniciano le persone e i negozi.

Piazza di Spagna segue un formato pittorico più tradizionale: il foglio intero. È uno spazio familiare e quindi più facile da progettare.

Il soggetto complesso si adatta bene alle dimensioni e alle proporzioni, con spazio per tutti i dettagli di edifici, carrozze e persone. Beneficia del respiro; una dimensione inferiore avrebbe affollato gli elementi.

Quando pensiamo a New York City, vengono subito in mente alti grattacieli. Tuttavia, sono andato contro il previsto Soleggiato il sesto, scegliendo un orizzontale allungato.

Ho dimezzato un intero foglio di carta in senso longitudinale per evidenziare il livello degli occhi inferiore degli abitanti. Bonus? Sono rimasto con l'altra metà del foglio da usare, forse come verticale allungata.

Una versione di questa storia, scritta da Jean Grastorf, è apparsa per la prima volta in Artista dell'acquerello. Per altri articoli di watermedia e ispirazione artistica, Iscriviti ora.

Informazioni su Jean Gastorf

Membro di spicco della Transparent Watercolor Society of America e membro della compagnia dei delfini dell'American Watercolor Society, Jean Grastorf è rinomata per la sua tecnica pittorica versata. Insegna le sue tecniche dell'acquerello in seminari negli Stati Uniti e all'estero. Gastorf è anche autore e video istruttore pubblicato.


Guarda il video: Corso acrilico - Lezione 3 - Come realizzare una scala tonale sfumata (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Costica

    Molto bello .. li amo

  2. Yozshugor

    Hai colto nel segno.

  3. Grey

    E mi è piaciuto ...

  4. Serafin

    Mi dispiace, ma penso che tu abbia torto. Propongo di discuterne. Inviami un'e -mail a PM, parleremo.

  5. Donnchadh

    Sono molto obbligato a te.

  6. Aviv

    Superclasse!!!



Scrivi un messaggio