La vita dell'artista

Cosa rende un artista professionista?

Cosa rende un artista professionista?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Scopri come viene definito "artista" per accedere allo spazio dello studio, cancellare le spese, rivendicare il copyright e altro ancora.

Di Daniel Grant

Possiamo definire l'arte? Leo Tolstoj lo ha definito "un mezzo di unione tra gli uomini, unendoli negli stessi sentimenti e indispensabili per la vita e il progresso verso il benessere degli individui e dell'umanità". Ma possiamo definire chi è un artista professionista?

Quando le etichette contano

La necessità di identificare chi è o non è un artista professionista sorge continuamente. Può essere richiesto per qualificarsi per studio o spazio residenziale riservato agli artisti. È necessario quando gli artisti vengono conteggiati in un censimento, devono pagare le imposte sul reddito o richiedere fondi. E ci sono sondaggi condotti da vari ricercatori per tenere traccia di elementi come le tendenze nell'occupazione degli artisti o i benefici economici delle comunità creative. Tuttavia, rispetto ad altre professioni che richiedono una licenza, permessi o addirittura entrate dichiarate, l'etichetta "artista" può essere soggettiva.

Dimostrare che si tratta di un artista serio e professionale conta più del semplice vantarsi. Esaminiamo quindi alcune potenziali definizioni.

Il lavoro di un artista è l'arte

Il governo federale identifica gli artisti come professionisti in due modi distinti. Il Census Bureau effettua un ampio sondaggio nazionale ogni 10 anni. E indaga sulle fonti di lavoro retribuito attraverso il compagno American Community Survey. Questi dati vengono utilizzati dall'Ufficio di statistica del lavoro, dal National Endowment for the Arts e da altre agenzie.

Le persone con più di una fonte di reddito sono conteggiate nel lavoro in cui lavorano il maggior numero di ore. Poiché l'attenzione è rivolta all'occupazione retribuita, piuttosto che alla quantità di tempo trascorsa in studio o al desiderio di vendere arte, è probabile che molti artisti vengano trascurati e quindi non vengano considerati artisti. Su base individuale, ciò non ha alcun effetto, ma c'è un aspetto negativo della politica nazionale. I legislatori hanno meno probabilità di appropriarsi di denaro per l'arte o di creare leggi a beneficio degli artisti se questo gruppo è significativamente sottostimato.

Gli artisti traggono profitto dalla loro arte

L'Internal Revenue Service ha una visione ristretta di chi si qualifica come artista. Ci sono nove criteri che l'IRS applica per separare i professionisti dagli hobbisti. I professionisti possono detrarre le proprie spese e gli appassionati non possono:

  • L'attività è svolta in modo professionale?
  • L'artista intende rendere redditizia l'attività artistica?
  • L'individuo dipende in tutto o in parte dal reddito generato dall'opera artistica?
  • Sono prevedibili perdite aziendali o sono dovute a circostanze indipendenti dalla volontà dell'artista?
  • I piani aziendali cambiano per migliorare la redditività?
  • L'artista ha le conoscenze per rendere l'attività redditizia?
  • L'artista ha avuto successo in precedenti attività professionali?
  • L'attività genera un profitto in alcuni anni e, in caso affermativo, quanto di uno?
  • L'artista realizzerà un profitto in futuro?

Non è necessario che un artista risponda "sì" a tutte le domande al fine di detrarre legittimamente le spese relative al business. Questi possono includere materiali artistici e attrezzature, noleggio di studio, viaggi, spese di istruzione e costi promozionali. Ma l'IRS richiede la prova che un artista fa uno sforzo per guadagnare un profitto in tre anni su cinque.

Le credenziali artistiche, che di solito non contano per i collezionisti e i critici, possono aiutare un artista a sostenere che è un professionista ai fini fiscali. Questi includono il conseguimento di una laurea o un master in belle arti, l'appartenenza a una società di artisti, l'esperienza di insegnamento dell'arte, l'inclusione in una directory artistica e la storia di una mostra.

Gli artisti professionisti richiedono uno studio

Esistono diverse agenzie che certificano l'idoneità di un artista di affittare o acquistare appartamenti loft dal vivo con spazi residenziali e studio. I comitati di certificazione degli artisti determinano la necessità di un candidato di spazio e qualifiche come artista serio, piuttosto che professionale. Secondo le linee guida per la certificazione degli artisti della Boston Redevelopment Authority nel Massachusetts, "Qualsiasi artista che può dimostrare a un comitato di colleghi che ha un recente corpus di opere come artista e che richiede spazio in stile loft per supportare tale opera, è ammissibili.” La definizione utilizzata da questi comitati è piuttosto flessibile, concentrandosi su fattori soggettivi.

Il Comitato per la certificazione degli artisti del Dipartimento degli affari culturali di New York City considera la "natura dell'impegno dell'artista nei confronti della sua forma d'arte come sua principale vocazione". Questo è usato per la valutazione piuttosto che un insieme di numeri concreti - mostre, vendite, premi, abbonamenti - che tenderebbero a squalificare la maggior parte dei candidati.

Artisti come appaltatore indipendenteS

Gli artisti sono generalmente lavoratori autonomi. Lavorano nei loro studi, stabiliscono le proprie ore e creano oggetti di propria creazione. Ma a volte lavorano per qualcun altro. Ad esempio, possono agire come assistente di studio o essere incaricati di produrre un'opera d'arte. In queste circostanze, la definizione è molto importante, principalmente a causa della questione del diritto d'autore. Un dipendente riceve uno stipendio, lavora a orari prestabiliti e riceve istruzioni esplicite su come svolgere le attività. Di conseguenza, il lavoro creativo che l'individuo svolge sul posto di lavoro appartiene al datore di lavoro.

Non è raro, tuttavia, che gli artisti non paghino le tasse per i loro assistenti chiamandoli appaltatori indipendenti, piuttosto che impiegati. Gli assistenti che sono appaltatori indipendenti, quindi, possono avere una base legale per essere considerati autori congiunti del lavoro degli artisti se sono stati coinvolti direttamente con i pezzi finiti. Questo è un diritto che i dipendenti non hanno. Tale paternità dipenderà dal grado in cui l'assistente potrebbe dimostrare che le sue idee e il suo processo decisionale originali fanno parte del lavoro finale, secondo Joshua Kaufman, un avvocato di Washington, DC che spesso rappresenta artisti. Vi sono state numerose cause intentate da ex assistenti per la proprietà comune delle opere sul copyright. Ma si sono sistemati tutti fuori dal tribunale.

Gli artisti si chiamano artisti

Secondo Marcel Duchamp, l'artista definisce l'arte. E sembra sempre più vero che al giorno d'oggi gli artisti definiscono anche chi e cosa sono. Le definizioni per natura sono limitanti e restrittive, mentre l'arte e i suoi creatori cercano di essere espansivi e inclusivi. Potrebbe essere più semplice affermare ciò che rende un artista un professionista rispetto a ciò che definisce un artista. E parte del lavoro di un artista è capire come gli artisti sono visti e cosa ci si aspetta da loro - che si tratti di un comitato di certificazione che vuole vedere l'arte, una fonte di finanziamento che vuole leggere la proposta di un artista o il governo che vuole vedi le ricevute.


Guarda il video: Should we be dreaming electric sheep? Umberto Callegari. TEDxLUCCA (Potrebbe 2022).